Google acquista Emu, un instant messenger intelligente come Siri

Emu è una app mobile lanciata come beta quest'anno. Si tratta di un mobile messenger con alcuni interessanti elementi di intelligenza artificiale e Google ha deciso di acquistare la startup.


-ANIMALS-EMU

Emu è - o per meglio dire, era - un instant messenger che ascoltava le vostre conversazioni. Ma al contrario della NSA, non le archiviava per spiarle, ma usava una sorta di assistente personale intelligente, capace di filtrare dettagli utili dai discorsi e di creare appuntamenti, riservare un posto al ristorante e creare notifiche per il calendario automaticamente.

Piuttosto comodo: parlando con la ragazza di una vacanza al mare si poteva subito riservare un posto sul treno, parlando con il capo di una riunione compariva un impegno sul calendario alla data e all’orario giusti.

APPROFONDISCI: DeepMind, startup dedicata all'intelligenza artificiale acquistata da Google

Emu era anche in grado di pescare automaticamente le informazioni, invece di passare all’azione. Discutendo di un film, per esempio, l’assistente virtuale era in grado di estrarre la sua pagina di IMDB per darvi i dettagli che stavate cercando, oppure le recensioni del ristorante a due passi dal cinema.

Ora Emu verrà chiuso il 25 agosto, ma le sue funzioni verranno assorbite da Google, che le userà in Hangouts e Calendar. Non è la prima società dedicata allo studio di algoritmi intelligenti acquistata da Google quest'anno, e cominciamo a sospettare che non sarà neppure l'ultima.

Siri e Google Now


Le feature ricordano parecchio Siri, e in effetti Emu è stato il frutto del lavoro di un team capitanato da Gummi Hafteinsonn, il cui nome ricorda gli orsetti gommosi ma il cui passato lavorativo comprende proprio Apple. Gummi è stato assunto proprio durante il periodo in cui Siri, ancora una startup, è stata acquisita da Cupertino, ed ha lavorato proprio all’assistente virtuale dell’iPhone. Hafteinsonn è stato anche un impiegato di Google, e in effetti Emu aveva dei punti in comune anche con Google Now.

Purtroppo non si conoscono i dettagli dell’acquisizione, ma si intuisce che si tratti di un acqui-hire, più un sostanzioso bonus per soddisfare tanto il team quanto i suoi finanziatori.

GUARDA ANCHE
Easter Egg su Google Hangouts

Via | Techcrunch

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail