Facebook down, a Los Angeles chiamano la polizia

Un membro del Los Angeles Sheriff Department ha chiesto via Twitter di non chiamare più quando Facebook è down.

lasd

A dirlo sembra quasi uno scherzo, eppure a Los Angeles c'è chi davvero si mette a chiamare la polizia quando Facebook è down. Non una sola persona, ma tante da giustificare l'intervento del sergente Burton Brink del Los Angeles Sheriff Department, per chiedere via Internet di lasciare stare le forze dell'ordine quando il social network non funziona.

È successo proprio ieri, quando Facebook è andato offline (per neanche troppo tempo, a dire il vero) intorno alle 12:30 locali. Evidentemente sopraffatto dalle chiamate di chi crede che questo possa essere un problema della polizia, Brink ha fatto ricorso a Twitter per scrivere quanto segue:


Leggi anche: Facebook, l’icona delle notifiche diventa geolocalizzata

A chi rispondeva pensando a una sorta di scherzo del sergente, ha poi spiegato anche che cose del genere accadono regolarmente, non solo quando Facebook è down, ma anche nel caso in cui per esempio la TV via cavo non funzioni, o altre cose simili riguardanti i bisogni "primari" di chi abita nelle case.

Quello che ne viene fuori è che Facebook è diventato ormai, che ci piaccia o no, parte fondamentale della nostra vita di tutti i giorni, al punto da provare a smuovere addirittura le forze dell'ordine nel caso in cui ci sia qualcosa che non funzioni sulla piattaforma di Mark Zuckerberg. Anche se ancora nessuno di noi, per fortuna, si sognerebbe mai di chiamare il 112 perché non può postare le foto dei gattini online.

Leggi anche: Come disabilitare l’autoplay dei video su Facebook

Via | Businessinsider.com
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail