Facebook, donna chiede 123 milioni di dollari come risarcimento

Una donna chiede a Facebook un risarcimento pari a oltre 120 milioni di dollari: ecco perché

facebook soldi Non ha tutti i torti, Meryem Ali di Houston, texana che ha chiesto a Facebook un risarcimento pari a 123 milioni di dollari a causa di una mancanza protrattasi per troppo tempo: il team di Mark Zuckerberg, infatti, era stato avvisato da mesi e per diversi mesi, nonostante l'intervento della polizia postale, non ha mosso neanche un dito affinché la situazione si risolvesse.

Il risultato oggi è questo: Meryem ha hiesto un risarcimento plurimilionario, pari a 10 centesimi per ogni utente che il social network attualmente vanta - così dicono le fonti, anche se sappiamo che il numero di utenti ora è decisamente maggiore -; un'idea folle, starete pensando, ma vi ricordiamo che in genere i legali gonfiano le cifre per avere un risarcimento piuttosto cospicuo.

La vicenda è una delle classiche, e non arriva certo ai livelli di Mario Balotelli, Donatella Galli e di tutti coloro di cui vi abbiamo parlato negli ultimi giorni: un ex conoscente della donna, tale Adeel Shah Khan dell'Illinois, per una vendetta personale, ha deciso di realizzare dei fotomontaggi piuttosto spinti con il volto della donna a sostituire quello delle attrici; tutto questo, tramite un account falso che Meryem ha subito segnalato, senza avere riscontro.

Approfondisci: come iscriversi a Facebook senza far sapere niente a nessuno

Una storia iniziata nel 2013


Tutto va avanti dal dicembre 2013, quando la donna era stata avvisata da alcuni amici e parenti; inascoltate, le sue richieste, così come è rimasto inascoltato l'invito delle forze dell'ordine di Houston a intervenire per identificare il gestore dell'account. Una grave mancanza da parte di Facebook, insomma, che oggi potrebbe costargli molto ma molto caro.

Via | Rt.com

  • shares
  • Mail