Instagram pronta al lancio dell'applicazione Bolt, ma la guerra legale è dietro l'angolo

Instagram è pronta a lanciare una nuova applicazione - Bolt -, ma al fondatore della vera Bolt l'uso dello stesso nome non va proprio giù

instagram bolt

In molti sapete che Instagram, ormai di proprietà di Mark Zuckerberg, è pronta al lancio di Bolt, applicazione di messaggistica forse simile a Snapchat su cui sappiamo davvero ben poco e che dovrebbe essere destinata sia ad Android sia a iOS.

Non è stata presentata dall'azienda, è apparsa per sbaglio su Android, puntando a un link inesistente su Google PlayStore, ma non sembra essere dovuta a spam: le premesse non sono certo di quelle positive, ma stando agli ultimi pettegolezzi, che vorrebbero l'applicazione presentata a fine mese, Bolt dovrebbe sostituire Slingshot; l'applicazione, infatti, dovrebbe servire a scambiare fotografie, e forse anche video, con i contatti.

Questa notizia risale a circa quattro giorni fa, ma è di oggi un post che il fondatore della vera Bolt ha scritto sul suo blog un post attraverso il quale ha fatto intendere a Mark Zuckerberg che, nel caso in cui la nuova applicazione di Instagram dovesse chiamarsi così, sarà guerra aperta: il servizio di Andrew Benton - questo, il suo nome - offre funzionalità completamente diverse, ma questo non dovrebbe essere un appiglio legale, per quanto ne sappiamo e stando alle parole dello stesso Benton, per spingere Zuckerberg a creare un'applicazione con lo stesso nome.

Approfondisci: cinque applicazioni per la tua estate

Le dichiarazioni di Andrew Benton


"Sappiamo - ecco uno stralcio del post che Benton ha scritto - che è un grande nome quello che abbiamo scelto l'anno scorso, quando abbiamo deciso di costruire una migliore esperienza di messaggistica vocale mobile. [...] Abbiamo lavorato molto duramente da allora per costruire Bolt e la tecnologia che lo caratterizza, preghiamo di non distruggere tutto questo sforzo".

Benton è stato contattato da Tech Crunch e ha spiegato che il nome Bolt è in uso nel mercato da un anno e che, se l'avvertimento non dovesse essere recepito, la sua società non starà certo ferma a guardare.

Via | Actualizable.com | Tech Crunch

  • shares
  • Mail