Twitter, Zayn Malik minacciato di morte dopo #FreePalestine: quando l'hashtag non piace

Zayn Malik twitta #FreePalestine e si scatena la bufera: minacce di morte su Twitter per il cantante dei One Direction

zayn malik twitter

Basta poco per scatenare la bufera su Twitter, e questa volta la sconfitta clamorosa del Brasile ai Mondiali 2014 c'entra davvero ben poco: il protagonista è Zayn Malik, noto e amato componente dei One Direction, e un suo twett - #FreePalestine - che forse non sarà piaciuto al suo manager; sapete bene, infatti, che in genere il consiglio è quello di schierarsi il meno possibile in questioni così delicate: parliamo, ovviamente, della difficile situazione che vede schierati Israele e la Palestina in uno scontro che i nostri amici di Polisblog stanno seguendo giorgno dopo giorno.

Il valore sociale dell'hashtag emerge con tutta la sua forza in momenti del genere: sì, perché twittare certi stati e lanciare certi messaggi ti porta inevitabilmente da una parte o dall'altra, e questo lo sanno bene non solo Zayn Malik, minacciato di morte per essersi schierato a favore della Palestina e contro Israele, ma anche personaggi come Rihanna, il cui tweet a favore della Palestina è però misteriosamente scomparso.

Approfondisci: si fa un selfie e si salva la vita da sola

Ecco una serie di tweet dai toni minacciosi, in cui molto spesso si nota come chiedere la libertà di questo o quest'altro territorio significhi automaticamente volere la morte degli avversari:




La reazione non ci scandalizza, ovviamente, e non certo perché tempo fa una Directioner minacciò di uccidere il suo cane se un membro dei One Direction non l'avesse seguita... Se foste stati in Zayn, cantante di origini pakistane, avreste evitato di schierarvi dinanzi a 13 milioni di persone?

  • shares
  • Mail