#JewsandArabsRefuseToBeEnemies, Sulome Andersone racconta l'hashtag per la pace a Gaza

Sulome Andersone è la giornalista libanese che ha dato vita all'hashtag #JewsandArabsRefuseToBeEnemies.

JewsandArabsRefuseToBeEnemies

Mentre nella Striscia di Gaza il conflitto in corso continua a non trovare tregua, gli appelli alla pace si moltiplicano anche sul web. Uno dei più recenti è quello costituito dall'hashtag #JewsandArabsRefuseToBeEnemies, tradotto letteralmente in "Ebrei e Arabi rifiutano di essere nemici", alla forma di Twitter.

La prima immagine postata è quella che vedete qui sopra, inserita tramite tweet dalla giornalista libanese Sulome Andersone, immortalatasi nel momento di un bacio al suo fidanzato ebreo in un tweet risalente allo scorso 13 luglio:


Leggi anche: Dopo l’Ucraina, la Malaysia Airlines sorvola la Siria

Dalle pagine di Nymag.com, Sulome ha ora raccontato la storia dietro a quella immagine, insieme alle intenzioni della coppia:

"Volevamo diffondere un'idea che non polarizzasse, qualcosa che fosse ascoltato non solo dalle persone che sono d'accordo con noi, ma anche da quelle che non lo sono. Militanza e rabbia non hanno aiutato a far finire tutto questo. Forse, abbiamo pensato, era tempo per un approccio diverso.

Quello che mi entusiasma di più a proposito di questa campagna è che sono stata retweettata da persone che so non condividono le mie visioni politiche; con cui ordinariamente finirei per accapigliarmi online. Ma nonostante le nostre differenze, hanno visto qualcosa nel messaggio con cui connettersi, e mi dà speranza."

Leggi anche: Israele Palestina: le origini del conflitto mediorientale, da Polisblog

Non essendo un esperto di politica mediorientale, lascio ovviamente ad altre sedi le riflessioni sul conflitto in corso: l'impressione, però, è che la coppia di fidanzati abbia davvero colto nel segno, tentando di porre fine al "tifo" senza senso scatenato nel caso specifico. L'hashtag, inutile dirlo, è diventato virale com'è possibile vedere con una semplice ricerca su Twitter.

Via | Boingboing.net

  • shares
  • Mail