Provare Chrome Os: primi screenshot

Chrome Os Screenshot

Metto le mani avanti dicendo subito la verità: dopo l'annuncio di Chrome Os ero troppo curioso e non ho resistito alla voglia irrazionale di provare a metterci sopra le mani. Prima di parlare di Chrome Os, vediamo insieme come è possibile installarlo, o quasi, su una macchina virtuale, dando anche un occhio ai suggerimenti di TechCrunch.

Per quanto riguarda il programma di virtualizzazione ho usato VirtualBox. TechCrunch dice di aver trovato tramite Torrent una immagine disco di Chrome Os, personalmente ho trovato tutto su Gdgt.com. Sono disponibili senza alcun problema sia l'immagine VirtualBox, sia per VMWare del peso di circa 200/300 mb l'una. Segnalo che ho dovuto scaricarle entrambe, perchè quella specifica per VirtualBox non ha voluto saperne di funzionare, mentre quella per VMWare su Virtualbox si. Misteri dell'informatica. In ogni caso è sufficiente usare come hard disk virtuale il file che avete scaricato, non ci sono da effettuare operazioni di "importazione". Mi sono attenuto alle indicazioni di TechCrunch per quanto riguarda i settaggi: Linux -> Ubuntu, Ram 1024 mb. In pochi secondi la macchina virtuale è pronta e funzionante.

La prima schermata è quella azzurra di login. E' necessario inserire i dati di un account Google, subito dopo si apre il browser con la mailbox Gmail. Alla prima occhiata non c'è praticamente nulla di diverso rispetto alla versione browser "pura". In alto a sinistra c'è l'indicazione dell'ora, della batteria (nel mio caso riportava fedelmente i dati reali del mio notebook) nonchè l'iconcina di rete con la possibilità di interrompere la connessione wi-fi e/o quella ethernet. Ho trovato una funzione "incognito" che non mi sembra di aver visto nella versione di Chrome browser che uso: quanto viene attivata, i dati di navigazione non vengono memorizzati.

Chrome Os Screenshot

Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot


Per il resto la prova finisce qui, con gli screenshot dei vari settaggi e delle pagine visitate, compreso il mio commento al post precedente, fatto via Chrome Os. Effettivamente non c'è molto altro da dire: essendoci solo il broswer posso solo dire che i servizi web funzionano tutti. Ci mancherebbe il contrario.

Concludendo... Provate Chrome Os se anche voi siete curiosi, tutti gli altri possono tranquillamente aspettare versioni più mature di questo progetto. Vi segnalo infine due post di Ossblog, decisamente interessanti. Il primo parla dell'aspetto relativo ai Chrome derivata da Debian, il secondo del contributo di Canonical allo sviluppo di Chrome Os.

Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot
Chrome Os Screenshot

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: