Windows sarà lo stesso su tutti i device, Nadella conferma la "convergenza"

Windows diventerà un'unica piattaforma condivisa su tutti i device, una conferma della rotta migliore possibile per l'ecosistema Microsoft.

Satya Nadella - galleria foto

Stavamo seguendo da molti mesi questo particolare argomento: Microsoft studia una maniera per riunire su un’unica piattaforma tutti i device, in modo da rendere Windows un solo sistema operativo. Questa cosiddetta “convergenza” è stata confermata dall’attuale CEO Satya Nadella, che è pure stato particolarmente disposto a bloccare e scartare alcuni dei piani elaborati durante l’era Ballmer.

In aprile Microsoft ha annunciato le Universal Windows Apps, un toolset che rende uno sviluppatore capace di creare app che funzionano su tutte le versioni di Windows, dall’Xbox al PC. Se in questo momento state già sentendo nella vostra testa la mitica cantilena “Developers, developers, developers” del vecchio CEO, è perché questo passo è stato il più importante lungo il sentiero della convergenza, tanto che la stampa specializzata l’ha definito “Il Santo Graal degli sviluppatori".

LEGGI ANCHE: Windows 9 "Threshold", le prime immagini dell'interfaccia

Nadella però vuole qualcosa di più di uno splendido inizio. Vuole il prodotto finito, vuole un Windows capace di girare dappertutto senza cambiarne le prerogative.


    “Questo significa un solo sistema operativo che copre tutte le dimensioni di display possibile […] Noi daremo una forma razionale e funzionale alla prossima versione di Windows, una convergenza di tre differenti sistemi operativi in un unico OS per display di tutte le dimensioni. […] In passato avevamo molti team che lavoravano a molte differenti versioni di Windows. Oggi abbiamo un solo team con una architettura comune. Questo ci aiuta a creare le Universal Windows App e progettarne la scalabilità”.

Con queste parole Nadella ha dichiarato la missione aziendale alla conferenza stampa indetta per il rapporto trimestrale di Microsoft, in cui - tra le altre cose - si è sancito il successo della Microsoft Cloud e una ripresa dei guadagni.

APPROFONDIMENTO: La lettera di Satya Nadella agli impiegati, tagli e addio ai piani di Ballmer

Tuttavia il nuovo CEO è forse un po’ troppo ottimista. Non crediamo che Threshold sarà dappertutto la stessa cosa, ma solo che ci saranno più somiglianze che differenze e molti settori comuni nella propria architettura. Inoltre - e qui viene quasi da urlare - Nadella ha confermato la tattica ridicolmente fuori dal tempo di vendere varie versioni dello stesso sistema operativo: nel 2015 vedremo ancora cose come Windows Pro e Windows Enterprise, oltre che “una versione economica fortemente integrata con Bing per i device a basso prezzo”.

Le app però saranno le stesse, gli store saranno un solo store. Già questo cambia di molto il panorama di Windows, e per quanto sembri un piccolo passo, è quello che basta a far sembrare Apple antiquata. Beh, almeno sulla carta.

Via | Microsoft | The Verge

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail