Google Chrome, un bug abbatte la durata della batteria dei portatili Windows

Le prime segnalazioni del bug di Chrome risalgono ad alcuni anni fa.

chrome-bug-batteria

Se usate Chrome su Windows, vi conviene andare sulla pagina dedicata al bug 153139 del browser e cliccare sulla stellina presente in alto a sinistra: in questo modo, farete sapere a Google di essere tra i tanti che aspettano (e magari neanche lo sanno) di vedere risolto questo problema segnalato il 29 settembre 2012.

Un nuovo post di Forbes sull'argomento ha infatti dato risalto al problema, di cui si trova traccia anche in altri articoli meno recenti in giro per il web, purtroppo mai affrontato a dovere da parte di Google: in soldoni, il bug finirebbe per abbattere la durata della batteria dei portatili Windows, costretti a consumare di più con Chrome aperto.

Leggi anche: Heartbleed: due mesi dopo, i server vulnerabili sono ancora oltre 300.000

Alla base di tutto, la modifica dell'intervallo con cui la CPU si "risveglia" quando nel sistema non ci sono eventi che richiedono calcoli: in Windows, questo intervallo è di default 15,625 millisecondi, ma con Chrome attivato scende a 1,000 millisecondo: invece che 64 volte al secondo, il processore è dunque costretto a riattivarsi 1.000 volte al secondo, con il consumo di energia che ne consegue.

Secondo le indicazioni fornite dalla stessa Microsoft, abbassare il timer a un millisecondo causerebbe un aumento nelle richieste di energia da parte di Windows (che in questo caso non ha colpe!) pari a circa il 25%, rispetto al valore predefinito fissato dal sistema operativo. Considerando che il browser è una delle applicazioni che rimangono praticamente sempre aperte su un PC, per i portatili questo costituisce un problema bello grosso.

Leggi anche: 5 estensioni indispensabili per Google Chrome

Per il momento, se volete preservare la durata della batteria del vostro PC portatili c'è ben poco da fare, se non ricorrere a un browser diverso quantomeno nei momenti in cui esso non è collegato a una presa elettrica. Nel caso in cui abbiate invece bisogno di un eventuale riscontro, potete scaricare l'applicazione chiamata Clockres, grazie alla quale verificare l'alterazione nel valore riportato come Current timer interval.

  • shares
  • Mail