Sospettato di furto usa l'aggiornamento dello stato su Facebook come alibi

Accusato di furto usa l'aggiornamento dello stato su Facebook come alibiDopo i ladri polli fattisi arrestare per aver aggiornato il proprio stato su Facebook, arriva un caso diametralmente opposto in cui una persona accusata di furto ha ottenuto il riconoscimento dell'aggiornamento del proprio profilo sul social network come alibi, scagionandosi completamente.

L'individuo in questione è tale Rodney Bradford di Harlem, New York, che alle 11:49 del 17 ottobre si chiedeva dove fossero finiti i propri pancake. Il giorno dopo il 19enne è stato arrestato con l'accusa di aver compiuto un furto a Brooklyn, ed è a questo punto che con l'aiuto del proprio avvocato ha ottenuto una verifica da parte del tribunale in collaborazione con Facebook, per accertare che l'aggiornamento dell'account fosse avvenuto dalla casa del padre del ragazzo.

Verificato l'alibi le accuse su Rodney sono state cancellate, anche se secondo il professore Joseph A. Pollini con un po' di fretta di troppo, visto che se in possesso di username e password tutti quanti sono in grado di entrare in un profilo e aggiornarlo.

Via | NYTimes.com

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: