Il cloud antivirus è realtà grazie a Panda

panda cloud antivirus

Panda Software in qualche modo rivoluziona il concetto di antivirus presentando la versione definitiva del suo PandaCloud Antivirus.

Il concetto alla base di questo nuovo approccio è semplice: parte dell'engine di scansione non è localizzato sulla vostra macchina ma si trova ospitato in quel che Panda definisce "Collective Intelligence", ossia una sorta di deposito centrale presso i server di Panda. I benefici sarebbero l'alleggerimento del sistema, non avendo un engine di scansione locale in esecuzione, e la possibilità di dimenticarsi totalmente dell'aggiornamento delle firme virali, eseguito direttamente nel cloud dove è ospitato il cuore dell'applicazione. Vista la natura del software la connessione ad internet è un requisito obbligatorio, sia per la scansione che per il monitoraggio in tempo reale.

Le due principali preoccupazioni sono ovviamente la privacy dei dati e l'occupazione di banda. Per garantire la prima PandaCloud esegue la scansione dei "documenti sensibili" direttamente in locale, delegando alla scansione online il compito di monitorare il resto dei files. Per quanto riguarda la banda utilizzata dal sistema le stime durante il periodo di beta parlano di poche centinaia di Kb al giorno, in quanto il database di informazioni disponibile nel cloud è talmente vasto da non rendere necessario l'upload di un file sospetto se non in rarissime condizioni.

L'approccio alla protezione dei virus scelta da Panda Software per questo prodotto è sicuramente originale e, senza dubbio, darà seguito a commenti positivi e negativi. Se siete interessati a provare la versione 1.0 gratuita il download è disponibile dal sito ufficiale di Panda CloudAntivirus

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: