Canada, bimbo raccoglie oltre 50 mila dollari per finanziare l’intervento dell’amico malato

La richiesta di 20 mila dollari è stata ampiamente superata: la raccolta fondi si avvicina ai 60 mila dollari.

La toccante storia del piccolo Quinn Callender, originario di Maple Ridge, nella Columbia Britannica, sta facendo il giro del Mondo. Il bimbo, 7 anni appena, una volta scoperto che il suo amichetto Brayden Grozdanich, affetto da paralisi cerebrale infantile, aveva bisogno di un costoso intervento chirurgico che la sua famiglia non poteva permettersi, ha deciso di impegnarsi in prima linea mettendo in piedi un piccolo chiosco in cui vendere limonata per raccogliere fondi.

I due lo hanno fatto insieme: si sono piazzati davanti a un supermercato con un secchio di limoni e chiesto un piccolo contribuito ai passanti. Da lì al web il passo è stato breve.

LEGGI ANCHE: Kickstarter, 480 milioni promessi dai backer nel 2013

Insieme ai suoi genitori, Quinn Callender ha organizzato una campagna online sul sito di crowdfunding YouCaring, illustrando nel dettaglio il progetto e fissando l’obiettivo a 20 mila dollari, il necessario per coprire le spese dell’intervento per Brayden Grozdanich fuori dal Canada.

Ciao, mi chiamo Quinn e questo è il mio amico Brayden. Abbiamo entrambi 7 anni. Frequentiamo la stessa scuola e siamo nei Beaver Scout. Brayden ha una paralisi cerebrale che gli rende difficile camminare bene a causa dei suoi muscoli molto tesi. A volte non riesce a stare al passo con gli altri Beaver e cade spesso. Brayden fa fisioterapia tutti i giorni per poter continuare a camminare. A volte prova molto dolore. […] Mia mamma mi ha detto che Brayden dovrà essere sottoposto a un’operazione che lo aiuterà a rilasciare la tensione muscolare. L’operazione non potrà essere fatta qui in Canada, solo negli Stati Uniti. Brayden e sua madre si recheranno negli Stati Uniti ad agosto per l’intervento. Visto che non può essere fatta in Canada, il papà e la mamma di Brayden dovranno pagare. L’operazione costerà 20 mila dollari. Per favore, aiutatemi a raccogliere fondi e aiutare il mio amico Brayden, è davvero un bambino buono.

my-buddy-brayden

La campagna è stato un successo: mancano ancora 25 giorni alla sua chiusura, ma sono già stati raccolti oltre 53 mila dollari, quasi il triplo della cifra richiesta. E questo anche grazie alla viralità della notizia.

Di fronte a una storia toccante come quella di Brayden e alla forza di volontà dell’amichetto disposto a tutto per aiutarlo, non si può non condividere e dare un supporto, anche minimo, alla causa.

LEGGI ANCHE: CharityStars tra le migliori app al TechCrunch Italy 2013

Via | My Buddy Brayden

  • shares
  • Mail