Microsoft "Threshold", il nuovo Windows: nato per convincere i fedelissimi di Windows 7

Microsoft punta a riconquistare i fedelissimi di Windows 7 con il suo nuovo sistema operativo "Threshold".

Microsoft "Threshold", il futuro di Windows

Secondo gli ultimi dettagli emersi, la nuova generazione di Windows è destinata ad uscire nella primavera del 2015. Dopo una "rivoluzione copernicana riuscita male" con Windows 8, il progetto “Threshold” ha posto tra i suoi obiettivi principali la conquista degli utenti rimasti fedeli a Windows 7: ci sarà una pletora di feature ed idee fatte apposta per attirare quel tipo di utente che non si è schiodato dal suo vecchio fido desktop, anche se ha già accettato i tablet e gli smartphone nella propria vita.

Windows 8 è diventato una sorta di Vista 2. Molti, me incluso, ritengono che questa percezione sia immeritata, ma il risultato è che Microsoft ora è costretta ad abbandonare il “brand” del suo attuale sistema operativo per limitare i danni all’immagine subiti in questi due anni di fuoco. La colpa è certamente di Redmond e delle sue ambizioni eccessive: la corporation ha dovuto riscoprire dolorosamente di non essere in grado di trascinare a forza i propri utenti.

Il futuro della GUI di Windows


Microsoft "Threshold", il futuro di Windows

“Threshold”, al contrario del predecessore, non farà finta di ignorare mouse e tastiera, ma li riporterà in gioco, pur senza rinunciare alla comodità di un touch screen, ora rigorosamente opzionale. La filosofia di design continuerà lungo la strada già intrapresa con Windows 8.1. Il sistema già oggi percepisce autonomamente il tipo di macchina su cui sta girando, fornendo strumenti utili a chi ha un sistema tradizionale e sostituendo quelle funzioni considerate “di troppo” - per esempio, l’avvio su schermata di Start vale per chi è su un tablet, ma avviene sul desktop per chi ha un laptop un po’ vecchiotto. Con “Threshold” sarà ancora più evoluta: chi ha un AiO come l’HP Envy Recline potrà trovarsi ad avviare in una modalità o l’altra a seconda della presenza di una tastiera, per fare un esempio.

Lo so che l’abbiamo pronosticato almeno dieci volte, ma pare che nella versione futura di Windows il tasto Start sia destinato a tornare davvero, anche se in versione “mini”, customizzabile e compatto nei suoi elementi. E le app per Modern potranno essere fatte girare anche sul desktop, una feature già abbozzata in Windows 8.1.

LEGGI ANCHE: Steve Ballmer, che fine ha fatto l'artefice dell'era Windows 8?

Tempistiche


Microsoft "Threshold", il futuro di Windows

Microsoft si è data delle scadenze molto severe per quello che riguarda gli update. “Threshold” (non sappiamo ancora se si chiamerà Windows 9) sarà disponibile come user preview attorno all’autunno se tutto va bene. L’uscita è prevista in primavera, forse ad aprile 2015.

Nel frattempo Windows 8.1 sarà aggiornato una seconda volta. Gli esperti parlano di fine agosto, e non sembra che Microsoft abbia l’intenzione di fare molta pubblicità a questo update, che conterrà pochi elementi coreografici e molte patch di sicurezza e upgrade delle performance.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: