G Data ha qualche dubbio sulla sicurezza di Windows 7

G DataLa G Data, produttrice del noto antivirus commerciale, ha recentemente rilasciato un documento incentrato sulla sicurezza del sistema in Windows 7.

Diciamolo subito: l'azienda tedesca non è affatto tenera con il nuovo sistema operativo di casa Microsoft. I motivi? Prima di tutto, viene fatto osservare che il Controllo Account Utente offre una protezione poco valida, visto che lo si può rendere facilmente meno invasivo (e dunque meno efficace). Ma la G Data ha da ridire anche sul firewall di Seven, ritenuto troppo configurabile (e addirittura disattivabile) dagli utenti:

"Sarebbe realmente utile disporre di un firewall che decide autonomamente quali dati autorizzare. Questa funzionalità viene offerta soltanto da prodotti specializzati nella protezione."

E non finisce qui: sempre stando al whitepaper, l'antispyware integrato (Windows Defender) non convinceva e non convince; inoltre ci sarebbe una serie di problemi mai risolti, tipo la gestione delle estensioni dei nomi di file, che continua a dare la possibilità - ritenuta pericolosa - di non visualizzare il suffisso dopo il nome del file stesso.

Insomma, non è proprio una stroncatura (viene ad esempio apprezzato il minore utilizzo di risorse rispetto al passato) ma la conclusione è che anche Windows 7 ha bisogno di essere integrato da programmi "in grado di offrire una protezione efficiente ed efficace".

Via | Italiasw.com

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: