Cruise, una startup, ruba a Google il primato delle auto che si guidano sole

Sono una piccola startup di otto persone, e hanno creato l'auto che si guida da sola usando vetture già in commercio.

Cruise, conversione ad auto robotica per Audi

Cruise è una piccola startup di 8 persone che ha appena messo in pre-ordine una novità che gente come Google e le grandi fabbriche automobilistiche hanno stabilito per un futuro prossimo, ma tuttavia ancora lontano dal’immediato: le auto che si guidano sole.

LEGGI ANCHE: Google presenta l'auto che si guida da sola

Cruise prepara un kit aftermarket per le Audi, e a quanto pare solo per queste auto tedesche, per trasformarle in macchine robotiche. Lo potremmo definire una sorta di pilota automatico, che oggi come oggi ha la pecca di funzionare solo nei dintorni di San Francisco e della Bay Area. Questa zona, un tempo conosciuta per il Grunge, oggi è anche la contestata culla della rivoluzione informatica.

Magari non è proprio l’auto che si guida da sola - e di fatto non ha né volante, né freni né acceleratore di Google - ma possiamo dire che si tratti di un super cruise control. Il pilota deve mantenere l’attenzione a quello che sta facendo il computer, più o meno come un insegnante di scuola guida deve tenere d’occhio il giovane alunno. Il costo per la modifica è di $10.000.

LEGGI ANCHE: Google I/O, novità anche per i sistemi elettronici delle auto?

Come funziona?


Cruise, conversione ad auto robotica per Audi

Il GPS non è una tecnologia sufficientemente accurata per le auto che si guidano sole. Servono delle fotocamere e degli algoritmi capaci di “ragionare” rapidamente. Google usa dei laser, ma Cruise invece monta un’unità piuttosto aerodinamica sul tettuccio, che “legge” il mondo circostante con una coppia di camere stereo, un radar da 77GHz e un accelerometro. I dati sulla posizione satellitare via GPS ovviamente ci sono, e anche una SIM LTE.

Il sistema Cruise tiene l’auto in carreggiata, al centro della stessa, tenendo costantemente d’occhio il traffico. La distanza di sicurezza viene mantenuta automaticamente, va da sé. Gli algoritmi che guidano una Audi modificata con Cruise sono ritenuti sufficientemente sicuri da lasciare il volante in mano al computer anche in autostrada, a velocità di oltre 100km/h. E forse sono più sicuri lì, e poco adatti alle nostre infernali stradine europee…

  • shares
  • Mail