Michael Dell: "i netbook sono scomodi e lenti" - sondaggio


Michael Dell, fondatore del colosso informatico che porta il suo cognome, ha sferrato un duro attacco ai netbook dalle pagine di PC World Francia definendoli senza mezzi termini "scomodi e sottopotenziati".

«Se prendete un possessore di laptop 13" o 15" e gli date un netbook 10", la sua prima reazione sarebbe quella di dire che quest'ultimo è grandioso, piccolo, bellissimo, leggero. Ma alla fine, dopo averlo usato tre giorni, la prima cosa che vi chiederebbe è di ridargli il suo computer precedente»

E continua poi:

«Una significativa parte dei possessori di netbook non è soddisfatta. Secondo me, la gente non è abbastanza educata per reagire alle leggi fondamentali del mercato su dimensioni e prezzo, ma a meno che si utilizzi un netbook come muletto o come computer principale comprato senza attenzione, è difficile trovare essere soddisfatti con tali performance limitate e scarsa ergonomia»

Come fa notare Hardware Upgrade, le lamentele di Michael Dell potrebbero essere viziate dall'interesse personale: i grandi produttori, infatti, hanno molto più margine di guadagno sui normali portatili che sui netbook. Ciononostante è innegabile che quanto indicato dall'impreditore sia un dato di fatto: nella maggior parte dei casi i netbook sono scomodi e non offrono prestazioni soddisfacenti, se non a quegli utenti con esigenze molto limitate.

A tal proposito chiediamo a voi lettori cosa ne pensate, con un apposito sondaggio che troverete subito dopo la pausa. Siete d'accordo con Michael Dell oppure no?

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: