Mondiali Brasile 2014: streaming, videogiochi e phishing le principali minacce alla sicurezza informatica

I Mondiali Brasile 2014 rappresenteranno un'occasione anche per i malintenzionati: facciamo attenzione.

Mondiali Brasile 2014: streaming, videogiochi e phishing le principali minacce alla sicurezza informatica

Quello dei Mondiali 2014 in Brasile è naturalmente un evento su cui sono rivolti gli occhi di tutto il mondo, compresi immancabilmente quelli di chi vuole approfittare del risalto della manifestazione per attentare alla sicurezza informatica di account e piattaforme altrui.

Trend Micro ha così realizzato uno studio dedicato all'arrivo di nuovi attacchi legati ai Mondiali di calcio, testimoniati da una semplice ricerca per parola chiave “coppa del mondo”. In primis troviamo le finte promesse di streaming, rivolte a chi cerca di guardare le partite su Internet: attenzione in questo caso al file denominato Jsc Sport Live + Brazil World Cup 2014 HD.rar, visto che esso contiene la backdoor BKDR_BLADABIN.AB., grazie alla quale malintenzionati possono controllare PC da remoto.

Il mondo dei videogiochi non è esente da pericoli: secondo il report, esiste in circolazione un finto generatore di codici per il gioco FIFA 14. Trattasi però di un adware, vale a dire un software che apre continuamente popup pubblicitari. I dati scambiati in queste connessioni possono essere potenzialmente dannosi se ricevuti o violare la privacy se inviati.

Leggi: Mondiali FIFA Brasile 2014 - la recensione del videogioco

Non manca, infine, il solito phishing, legato a richieste via email di ogni genere, comprese finte promozioni di biglietti per ottenere dati sensibili delle vittime. Trend Micro offre anche delle linee guida di sicurezza per un comportamento responsabile online:

Oltre a utilizzare un sistema di sicurezza efficace e aggiornato, un’attenzione costante rimane la miglior protezione contro le azioni di ingegneria sociale. Dai messaggi spam a post sospetti sui social media, i cyber criminali cercheranno sempre di mietere più vittime possibili. È importante pensare e prestare sempre la massima attenzione prima di cliccare sul primo link che si riceve, anche se il mittente potrebbe sembrare apparentemente affidabile.

  • shares
  • Mail