Un omosessuale si vede dagli amici che ha su Facebook


Secondo uno studio piuttosto scioccante svolto da due studenti del MIT di Boston, basta analizzare la composizione della lista di amici che un individuo abbia su Facebook, per poterne indovinare l'orientamente sessuale. Soprattutto in caso di omosessualità.

Anche in presenza di filtri privacy che rendono impossibile la visualizzazione di altre informazioni sulle abitudini e i gusti personali di una persona che ancora non conosciamo, la sola disamina dell'elenco dei contatti può essere utile quanto un outing.

Carter Jernigan e Behram Mistree hanno scandagliato 1500 profili di loro colleghi studenti (di cui conoscevano l'orientamento sessuale), fino a poter elaborare un piccolo software che può predirre l'omosessualità di un individuo solo a partire da algoritmi che prendono in considerazione la proporzione fra contatti etero e gay nelle loro liste. Questo esperimento, che potrebbe presto essere pubblicato su una rivista scientifica specializzata, secondo i due rappresenterebbe l'inizio di una nuova frontiera per i web marketers che basano le proprie campagne sulla sessualità dei propri target.

Personalmente, a me sa più che altro di una boiata pazzesca.

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: