Google Glass indossati da Germán Burgos, vice allenatore dell'Atletico Madrid

I Google Glass fanno la loro irruzione anche nei campi di calcio: li ha indossati Germán Burgos, vice allenatore dell'Atletico Madrid

I Google Glass continuano a far parlare di sé in una giornata molto positiva per il colosso della ricerca: oggi, infatti, l'azienda ha confermato l'arrivo di Android 4.4 KitKat sui suoi occhiali intelligenti, svelando tutte le novità e le nuove feature. La notizia non corrisponde a un rumor - vale la pena sottolinearlo -: la scena è stata fotografata e mostra Germán Burgos, vice allenatore dell'Atletico Madrid indossare il dispositivo durante la partita.

Diciamo pure che l'aver indossato i Google Glass potrebbe costargli non poco, se considerate che FIFA, in passato, aveva vietato l'utilizzo in panchina di tablet e smartphone: Germán Burgos ha usato gli occhiali per consultare in diretta tutti i dati in archivio e le statistiche del match con il Getafe (vinto dall'Atletico 2 a 0); insomma, che qualcuno possa storcere il naso è un'ipotesi tutt'altro che remota.

Ricordiamo che i Google Glass sono stati usati anche nel calcio americano, nel campionato di basket spagnolo; insomma, in molti altri contesti sportivi (ovviamente non in campo) che avranno senz'altro fatto onore all'ultima creatura di Google: nonostante questo, abbiamo dei seri dubbi sul successo del dispositivo che oggi debutta in America a 1500 dollari.

Gli obiettivi e i problemi di Google


german burgos con i google glass

L'obiettivo del colosso di Mountain View è quello di rendere i Glass un prodotto utile nella vita di tutti i giorni così come lo sono diventati gli smartphone e i tablet: ma il punto è che gli occhiali risultano ancora troppo invasivi e pericolosi per la privacy, oltre che costosi. Solo risolvendo questi problemi, l'azienda potrà dirsi (quasi) sicura del successo degli occhiali.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail