Kevin Rose, la casa del fondatore di Digg picchettata da anarchici anti-tech

Kevin Rose, famoso per essere fondatore dello storico aggregatore di notizie Digg, per il suo ruolo nel programma TV The Screen Savers e per le sue attività di venture capitalist come partner di Google Ventures, si è ritrovato vittima di un picchetto di anarchici "ludditi"

Kevin Rose, come Mark Zuckerberg, è uno di quei ragazzi che è partito da un dormitorio universitario e giovanissimo è riuscito a creare un impero. Prima ha fondato Digg, storica community di aggregazione di news (che oggi è stata completamente soppiantata da Reddit), ed oggi lavora come partner di Google Ventures, cercando nuove startup da finanziare con i fondi quasi illimitati del gigante di Mountain View.

Questa sua associazione con Google è stata tirata in ballo da un gruppo di attivisti anarchici piuttosto eterogeneo e sorridente, che si è presentato a casa sua, picchettando l’abitazione e distribuendo volantini dai toni piuttosto ostili a tutti i vicini.

Chi sono questi attivisti?


kevin-rose-parassita-volantino

I foglietti, dalla grafica molto semplice, accusavano Kevin di essere un parassita, un uomo che contribuisce a portare giovani imprenditori e i loro impiegati a San Francisco. Questi “techies” - continua il volantino - devastano l’ambiente naturale e sociale della zona, vengono pagati 4 volte in media quello che viene retribuito a un impiegato nell'industria dei servizi. Gli attivisti si sono qualificati come coloro che lavano i pavimenti di questi techies, portano loro il cibo, servono loro il caffe e… fanno altre attività retribuite che è meglio non nominare.​

Non sappiamo se prima di diventare ricco, Rose facesse come tanti altri ragazzi di età universitaria, lavorando come cameriere per sbarcare il lunario o ridurre un debito che nei college statunitensi strangola quasi due generazioni. Quello che è certo è che alcuni di questi ragazzi e altri giovani con lavori poco retribuiti non apprezzano molto il “miracolo economico” dell'imprenditoria tecnologica innovativa, che viene considerato come fasullo e illusorio - o per lo meno così sbilanciato da essere reale solo per una fetta microscopica di popolazione.

Anche se arrivano centinaia di migliaia di speranzosi e intraprendenti giovani laureati e professionisti della tecnologia, insomma, non stanno creando un’economia sostenibile per la Bay Area, ma stanno piuttosto scacciando e isolando i residenti blue-collar della zona, senza offrire un aumento degli stipendi e alzando progressivamente il costo degli affitti.

Il movimento responsabile del picchetto si fa chiamare Counterface, ed è forse anche quello responsabile per i picchetti ai Google Bus a San Francisco. Kevin Rose ha incassato i colpi e ha risposto senza farsi prendere dall’irritazione.


Via | Business Insider

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail