Secondo Paul McGuinness, Google dovrebbe "tenere giù i siti"

Paul McGuinness addossa a Google la responsabilità della presenza dei siti pirata sulla rete.

'U2 3D' Premiere - Dublin

L'ormai ex manager degli U2, Paul McGuinness, ha dato prova di conoscere molto poco Internet, dichiarando quanto segue in occasione della consegna del premio Industry Icon di Billboard Magazine, per la sua attività nel campo musicale lunga 35 anni. Oggetto? Naturalmente Google, ormai da tempo uno dei nemici dichiarati di McGuinness, insieme al file-sharing.

"Quello che deve essere fatto è semplice, mettere giù i siti e mantenerli giù. Se i pirati possono rimpiazzare istantaneamente i propri siti con legioni di bot, Google, con i suoi brillanti ingegneri al lavoro sull'algoritmo, può contrastarli. Abbiamo bisogno che giganti tecnologici come Google facciano cose che etichette, publisher, artisti e compositori gli chiedono ripetutamente di fare.

Devono mostrare responsabilità sociale e aziendale. Mettere giù i siti, tenerli giù e pulire la strada a distributori digitali legali come iTunes, Spotify e Deezer, il nuovo servizio di Jimmy Iovine che promette di essere un serio contendente."

Confondere Google con tutta Internet è un errore comune per coloro che non conoscono affatto le dinamiche della rete, ma da una persona del calibro di Paul McGuinness, nel 2014, ci si aspetterebbe un pizzico di consapevolezza in più su argomenti del genere.

Via | Techdirt.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail