Esce Facebook Paper: le opinioni sono molto positive

Facebook celebra il suo decimo compleanno alla grande con la sua prima app mobile che genera vero entusiasmo.

Facebook Paper è stato distribuito come da programma in quella che è di fatto una sorta di beta pilotata, che comprende solo gli utenti iPhone statunitensi. Nonostante la diffusione relativamente limitata (sono comunque milioni di persone), a giudicare dalle reazioni degli utenti e della stampa specializzata a questo punto possiamo dire che il livello di entusiasmo è piuttosto alto: Zuckerberg non poteva trovare un modo migliore di celebrare i 10 anni del network.

Dopo il parto problematico di Facebook Home, la morte di Poke e lo sviluppo praticamente indipendente dell’acquisizione Instagram, parrebbe che per una volta il social network sia riuscito a produrre un’app mobile degna di nota.

Paper è come vorremmo Facebook?


Paper come Messenger cerca di distanziarsi dal “prodotto core”, ovverosia tanto dal servizio-Facebook quanto dalla app principale di Facebook. Anche qui non si nota una presenza soffocante del brand aziendale, e quello che accoglie l’utente è un logo “Paper” in un font differente, sottile della famiglia Helvetica.

Un prodotto tutto nuovo, per un 2014 di rivoluzioni: quello che serve dal punto di vista dell’immagine, visto che la stampa si è inferocita negli ultimi due anni contro il social network, accusandolo di non essere più innovativo né trendy. E non essere più un "elemento di fashion" quando si vuole vendere un servizio a una fascia di mercato giovane equivale a condannarsi a morte.

Come funziona


Il design dell’interfaccia è stato creato da Mike Matas, uno dei famosi papà degli iPod, che poi ha anche sviluppato la GUI per l’ormai celebre Nest acquistato da Google.

L’idea di trasformare e rivoluzionare il newsfeed di Facebook - operazione delicata e ricca di insidie - ha lasciato spazio a un piano differente: costruire un servizio completamente nuovo sulle stesse ossa del social network.

Paper è un Facebook diviso in tab e argomenti, proprio come Reddit e le riviste patinate. Al momento ci sono 20 categorie preparate per gli utenti, comprese le Headlines, Tech, Planet ma anche argomenti frivoli e divertenti come Cute e Pop Life (fondamentalmente cuccioli e gossip). E proprio come una rivista si sfoglia, passando da una card all’altra orizzontalmente. Nel frattempo un piccolo team di 15 editor americani passa a fil di pettine giornali, blog e social media a caccia di notizie. Ci sono circa 40 fonti ufficiali, da Time a Zooey Deschanel, ma Facebook dice di volersi impegnare a usare tutto il potere del suo network per trovare le storie migliori.

Gli articoli sono tutti impaginati con cura, le immagini prendono tutto lo schermo e anche di più a seconda del formato, si può anche salvare qualcosa per leggerlo più tardi. Ricorda molto Flipboard, e non è una sorpresa per chi ne ha seguito i rumor sullo sviluppo.

Non esiste un tasto Refresh, quando viene aggiornato da Facebook, Paper si aggiorna per conto proprio.

Spazio personale


Non manca l’accesso a tutta la nostra “roba”. Possiamo vedere gli aggiornamenti degli amici, quelli di gruppi e pagine, i messaggi privati, solo che qui li consultiamo con la nuova GUI, che rinuncia ad alcune interazioni normali: per esempio non c’è più il “tira per aggiornare”, né un tasto “indietro” (basta gettare via la pagina verso il basso per ritornare a quella di prima)

In poche parole: secondo molti, Paper è perfettamente in grado di rimpiazzare l’app principale di Facebook su mobile. Inutile dire che siamo piutosto ansiosi di vederla trasportata su Android e in tutto il resto del mondo.

Via | The Verge

  • shares
  • Mail