Amazon, shock in Francia: impediti sconto del 5% e spedizioni gratuite

Quasi approvata la legge anti-Amazon in Francia

foto amazon franceAmazon è uno degli store online più importanti del momento, se non il più importante, visto che garantisce non solo prezzi competitivi (anzi: stracciati), ma anche spese di trasporto quasi sempre gratuite. Peccato che in Francia il Parlamento abbia pensato a tutelare soprattutto le librerie, che, essendone 3mila 500 (quelle inglesi, per fare solo un esempio, sono circa mille), rappresentano il 3.2% del PIL: frutto di questa preoccupazione è stata l'approvazione di una proposta di legge "anti-Amazon" anche in Senato, e fra poco da riapprovare alla Camera.

Un provvedimento davvero singolare e a tratti assurdo: Amazon non potrà praticare più lo sconto del 5% sui libri e dovrà pure evitare l'eliminazione delle spese di trasporto; in altri termini, il consumatore che finora ha acquistato online libri a prezzo decisamente ridotto farebbe meglio a pensarci due volte: oltre a non avere lo sconto, infatti, dovrà pagare pure le spese di spedizione.

La preoccupazione delle istituzioni e dei rivenditori fisici si è fatta sentire moltissimo nel corso di questi anni, e non solo perché Amazon sarebbe coinvolta in un giro di evasione fiscale da centinaia di migliaia di euro: in circa dieci anni, infatti, è anche cresciuto esponenzialmente il commercio online, precisamente dal 3.2 al 17%, proprio grazie allo store virtuale, che può contare su oltre 400mila titoli in lingua francese.

Amazon non può certo dirsi soddisfatta, visto che le finanze ne risentiranno; sicuramente, però, non piangerà, visto che riuscirà a trovare altre soluzioni. Da parte loro, invece, i librai non possono far altro che esultare. In tutte queste dinamiche, qualcuno ha pensato al consumatore finale?

Via | Corriere.it

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: