Nuovo CEO di Microsoft, scendono le quotazioni di Alan Mulally?

Alan Mulally tira troppo la corda tra Ford e Microsoft: il board dell'azienda di Redmond non ci sta.

Era finora dato come favorito nella corsa alla successione di Steve Ballmer come CEO di Microsoft: voluto dagli investitori e visto di buon occhio un po' da tutti anche a discapito di altri personaggi interni alla società.

Qualcosa potrebbe però essere cambiato, e le quotazioni dell'attuale boss di Ford scese: ne parla AllThingsD in un nuovo report, all'interno del quale sono state raccolte anche alcune informazioni provenienti dalla solita fonte anonima. La perdita di terreno da parte di Mulally sarebbe avvenuta dopo le parole di Edsel Ford II, diretto discendente del fondatore dell'azienda, Henry Ford:

"Francamente, ci ha detto che il suo piano è quello di restare in Ford fino alla fine del 2014."

Un'affermazione che unita ad altri atteggiamenti dello stesso Mulally, avrebbe definitivamente indispettito il comitato di Microsoft creato per eleggere il nuovo CEO, secondo il quale il candidato starebbe tirando un po' troppo la corda tergiversando da entrambi i lati.

I dubbi di Microsoft su Alan Mulally riguarderebbero anche la sua possibile permanenza alla guida dell'azienda, ma soprattutto il crescente sentimento secondo il quale il nuovo CEO dovrà essere una persona con un background tecnologico. Ora più di prima, naturalmente, brancoliamo tutti nel buio: lo stesso sito sopra citato parla di Patrick Gelsinger, CEO di VMWare, come possibile candidato "oscuro", ma naturalmente rientra tutto nell'ambito della speculazione.

Via | Neowin.net

  • shares
  • Mail