Windows XP, la Cina lotta per evitare la sospensione degli aggiornamenti del 2014

Windows XP sarà abbandonato nel 2014, ma la Cina non è d'accordo

foto windows 8

Windows XP

sarà abbandonato a partire dal mese di 2014: era pure ora che Microsoft facesse questo passo in avanti, visto che, continuando a supportare uno dei suoi sistemi operativi di maggiore successo, la compagnia non avrebbe spinto nessuno ad acquistare Windows 8, che è la versione di sistema su cui la compagnia si sta concentrando (l'obiettivo - come ha dichiarato il colosso di Redmond - è quello di unificare i tre Windows in un unico sistema).

Il comportamento di Microsoft, però, non piace per niente ai cinesi, che hanno già iniziato a manifestare il proprio malcontento, non soltanto da soli ma anche assieme al governo: Windows XP è uno dei sistemi operatvi più usati in Cina - diciamo pure che il 50% dei cinesi lo utilizza -, quindi è normale che l'abbandono da parte del colosso di Redmond non faccia presagire proprio nulla di buono: dire basta all'aggiornamento, infatti, significa esporre gli utenti alla valanga di virus che vengono messi in rete giorno dopo giorno, in un Paese in cui la criminalità informatica è molto più problematica rispetto al resto del mondo.

Se così è - e non ci sono dubbi che sia così -, non riusciamo a spiegarci il comportamento dei cinesi: il governo ha addirittura incontrato Microsoft per convincerla a non abbandonare l'aggiornamento di Windows XP almeno nel proprio Paese, visto che è anche un mercato importantissimo; ma non era meglio puntare sul nuovo, passare a Windows 8 - che ha qualche problemino, ma è decisamente più user friendly - e lasciar perdere pretese assurde? Questo vale anche per l'utenza italiana, americana e così via: non si può restare tutta una vita con il sistema operativo di sempre, nonostante - e questo va detto - l'impatto con l'interfaccia di Windows 8 non sia proprio dei migliori.

Via | Tech Web

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: