Facebook può dirci se siamo psicopatici o narcisisti, parola di uno studio svedese

Siamo psicopatici o narcisisti? Facebook lo sa già grazie ai nostri aggiornamenti di stato.

Facebook

Facebook rivela davvero chi siamo, ne abbiamo parlato spesso in passato, e l’ultimo studio condotto da un team di ricerca della Sahlgrenska Academy dell’Università di Gothenburg e Lund, in Svezia, non solo conferma quanto già accertato, ma rivela qualcosa in più: è facile prevedere le personalità psicopatiche a partire dagli aggiornamenti di stato su Facebook.

Analizzando gli aggiornamenti di stato di 304 utenti di Facebook negli Stati Uniti, preventivamente sottoposti a test della personalità, il team è arrivato alla conclusione predire la cosiddetta triade oscura delle personalità - il gruppo costituito da tre tratti comportamentali: narcisismo, machiavellismo e psicopatia - sia estremamente facile, molto di più che identificare tratti positivi coscienziosità e piacevolezza.

Abbiamo guardato gli aggiornamenti di stato su Facebook e analizzato l’eventuale relazione tra i testi e i tratti della personalità degli utenti.

Dietro a parole e frasi negative può in alcuni casi nascondersi una tendenza alla psicopatia. Secondo quanto rivelato dal ricercatore Sverker Sikström, gli utenti che pubblicano aggiornamenti di stato relativi a soggetti e tematiche negative, come possono essere decapitazione, prostituzione o pornografia, tendono più di altri a mostrare tratti psicopatici.

Lo studio, denominato “The dark side of Facebook: Semantic representations of status updates predict the Dark Triad of personality” e pubblicato sul giornale scientifico Personality and Individual Differences, ha sottolineato anche questo metodo si possa applicare anche ad altri social network e precisato anche che:

Anche se mostri tratti di una personalità psicopatica su Facebook, questo non significa necessariamente che tu sia uno psicopatico.

Buono a sapersi. Ora, però, vado a togliere l’amicizia a quel vecchio compagno di scuola che pubblica solo e soltanto foto macabre e misteriosi aggiornamenti di stato.

Via | TheLocal

  • shares
  • +1
  • Mail