L'Europa approva l'uso di dispositivi 4G e 3G durante i voli aerei

Oltre i 3.000 metri i passeggeri potranno usare dispositivi 3G e 4G in aereo, ma solo se permesso dalla compagnia.

Niente più modalità aereo sui cieli d'Europa? A quanto pare il futuro sembra riservarci proprio questa situazione, dopo che la Commissione Europea ha dato il via libera all'uso di dispositivi LTE e 3G durante i voli aerei. Un qualcosa di epocale, visti i restrittivi (e per molti inutili) limiti posti finora sulla presenza di smartphone e aggeggi simili a bordo degli aerei.

Nel dettaglio, l'Unione Europea dà il via libera alle comunicazioni sugli spettri 3G (UMTS) e 4G (LTE), oltre i 3000 metri di altezza. Fino a questo momento, solo l'uso di dispositivi connessi alla rete 2G (GSM) era permessa sugli aerei in volo sul suolo europeo, rendendo naturalmente impossibile l'uso di dispositivi e funzionalità moderni che richiedono una banda decisamente superiore per inviare e ricevere allegati, scaricare eBook o vedere video.

Da verificare, naturalmente, anche la performance di queste reti che saranno disponibili sugli aerei, diverse da quelle cellulari disponibili quando si è a terra. Esse si basano infatti su sistemi satellitari, e sono normalmente più lente delle connessioni 3G e 4G a cui siamo normalmente abituati.

A ogni modo, la Commissione precisa che la possibilità di usare telefoni 3G e 4G darà una possibilità per le compagnie aeree per accontentare i propri clienti, accettando le connessioni a bordo. Non si tratterà di un diritto dei passeggeri, che in caso di rifiuto della compagnia e di ammonimento da parte del personale di bordo, non potranno dunque avanzare nessuna pretesa.

Via | Europa.eu

  • shares
  • +1
  • Mail