Mac App Store, un bug regala Aperture e iWork a chi ha la versione trial

Un bug del Mac App Store permette a tutti gli utenti in possesso di una versione trial di Aperture e iWork di aggiornare gratuitamente alla versione completa.

Aggiornamento 25 ottobre - MacTrast è riuscito a sentire un suo contatto alla Apple e ha chiesto delucidazioni sul bug che permette il download di Aperture, iWork e iLife senza metter mano al portafogli. La risposta è stata

Anche se siamo consapevoli della pirateria delle nostre applicazioni di utenti disonesti, Apple non ha mai preso una posizione forte nei confronti della pirateria in passato. Ci piace pensare che i nostri utenti siano onesti, anche se poi non è così.

Chiaro? Apple è a conoscenza del problema e va bene così. In definitiva, chi vuole scaricare, scarichi pure.

Grava falla in casa Apple, un bug del Mac App Store sta regalando la suite iWork e Aperture agli utenti che avevano installato la versione trial degli stessi, rimossa da tempo dalla stessa Apple, ma facilmente reperibile via torrent e simili.

La questione è semplice. Chi ha installato la versione trial di Aperture o di una delle tre applicazioni del pacchetto iWork - Pages, Numbers e Keynote - non dovrà far altro che collegarsi al Mac App Store per trovare lì pronto l’aggiornamento alla versione completa dei programmi.

Lo store riconosce che si hanno installati quei programmi e vi propone di aggiornarli all’ultima versione disponibile, senza considerare il fatto che quella che avete installato è una versione di prova e quella che vi propongono di aggiornare è quella completa. Risultato: gli utenti possono scaricare iWork e Aperture senza spendere un euro, risparmiando 54 euro per la suite e 69,99 euro per Aperture.

Apple, al momento, non è stata in grado di trovare una soluzione e non è escluso che non possa nemmeno riuscirci:

È improbabile che Apple possa anche solo turare la falla, visto che le versioni trial delle vecchie app iWork sono identica alle copie retail, con l’unica differenza che richiedono un numero seriale per essere attivate. Poiché le app usano lo stesso identificativo sia se da attivate che non, l’App Store non ha alcun modo di determinare se la trial è stata attivata.

Ora, quindi, è partito lo scaricamento selvaggio, con vere e proprio corse alla ricerca delle versioni trial dei programmi appena citati, e a questo punto non sembra difficile immaginare che Apple decida di rendere gratuito almeno iWork, già disponibile gratuitamente per tutti gli utenti che acquistano un nuovo Mac, a tutti gli altri.

  • shares
  • +1
  • Mail