Adobe vittima di un cyber attacco, compromessi 2,9 milioni di account

Adobe è stata vittima in queste ore di un cyber attacco che ha compromesso la sicurezza di quasi 3 milioni di account personali.

Abobe, l'azienda americana sviluppatrice di ben noti software come Photoshop e After Effects, è stata vittima di un cyber attacco che ha permesso ad alcuni hacker di entrare in possesso del codice sorgente di alcune sue applicazioni - Coldfusion, Acrobat e ColdFusion Builder, tra gli altri - e, cosa ancor più grave, dei dati personali di 2,9 milioni di utenti.

L'annuncio è stato dato dalla stessa Adobe, secondo la quale le informazioni rubate dagli hacker includerebbero nome e cognome, numeri cifrati di carte di credito e date di scadenza delle stesse, oltre i informazioni relative agli ordini eseguiti dagli utenti.

I dati delle carte di credito sono cifrati e dovrebbero essere al sicuro, ma Adobe ha confermato di essere comunque in contatto con le banche e le società che si occupano delle transazioni finanziarie per coordinare la protezione degli account violati degli utenti. E, ovviamente, Adobe è in contatto con le autorità e sta fornendo tutto il supporto necessario alle indagini.

I titolari degli account violati sono stati immediatamente avvisati con una mail con tutte le informazioni per proteggersi da eventuali usi di quei dati personali. In aggiunta, va da sé, Adobe ha prontamente resettato le password degli utenti così da limitare al minimo gli accessi non autorizzati con gli account Adobe. Anche in questo caso gli utenti sono stati avvisati con una mail contenente tutti i particolari del caso.

In ogni caso Adobe rassicura tutti gli utenti:

Sulla base di quanto abbiamo scoperto finora non ci risultano aumenti dei rischi per gli utenti in seguito a questo incidente.

Gli utenti, per ora, possono dormire sonni tranquilli e rivolgersi alla pagina di supporto di Adobe per tutte le informazioni aggiuntive sulla vicenda.

Via | Adobe
Foto | Facebook

  • shares
  • +1
  • Mail