Google acquista Flutter e le gesture per le webcam arrivano a Mountain View

Google ha acquisito Flutter, startup sviluppatrice dell'omonima applicazione per gestire programmi tramite webcam e gesture.

Nuova e importante acquisizione per Google. Stavolta ad entrare a far parte della grande famiglia di Mountain View è stata la startup Flutter, sviluppatrice dell'omonima applicazione che permette di gestire il proprio computer attraverso la webcam con semplici gesture.

Flutter, disponibile per Windows e Mac OS X, sfrutta la webcam del terminale per rilevare i gesti delle mani e controllare alcuni dei programmi principali installati, da iTunes a Spotify, da Google Chrome a Quicktime Player, passando per Rdio e VLC Media Player. Basta un gesto delle mani per avviare la riproduzione, mettere in pausa e molto altro.

Google ha messo le mani, è proprio il caso di dirlo, su Flutter e sul suo team, ora entrati ufficialmente a far parte di BigG, come annunciato poche ore fa dal CEO dell'azienda, Naveet Dalal e confermato anche da un portavoce di Google:

Siamo molto colpiti dall'abilità del team di Flutter di realizzare una tecnologia come questa. Non vediamo l'ora di supportare la loro ricerca e collaborare con loro qui a Google.

I particolari dell'acquisizione non sono stati resi noti, così come non è stato spiegato come Google abbia intenzione di sfruttare la tecnologia di Flutter e integrarla nei propri prodotti. Quello che è certo è che, almeno per il momento, le applicazioni ufficiali di Flutter resteranno attive e continueranno a ricevere supporto.

Via | Flutter

  • shares
  • +1
  • Mail