Google+ come Twitter e Facebook: arriva l'embed dei post

Google+ ha deciso di seguire l'esempio di Twitter e Facebook e ha presentato l'embed dei post: da oggi inserire un post in sito o pagina web sarà un gioco da ragazzi.

Twitter insegna, gli altri si adeguato e copiano. Almeno quando si tratta di feature che promettono di migliorare l'interazione pubblica e attirare nuovi utenti. E' il caso dell'embed dei post, da tempo disponibile sul social network dei 140 caratteri e introdotto da Facebook poco meno di un mese fa.

Ora è la volta di Google+, l'esperimento sociale di Mountain View, che poche ore fa ha annunciato di aver introdotto la possibilità di incorporare all'interno di siti e blog un post fatto su Google+, proprio come accade già con la concorrenza.

Come funziona?

Incorporare un post è più facile a farsi che a dirsi. A partire da oggi, tutti i post pubblici potranno essere incorporati all'estero di Google+. Tutto quello che dovete fare è scegliere il post e selezionare Incorpora Post dalle opzioni di quel post, copiare il codice generato e incollarlo nel vostro sito o nella vostra pagina web per farlo magicamente apparire. Il post originale, va da sé, dovrà essere visibile a tutti.

Oltre a dare visibilità a quella pagina o a quell'utente al di fuori di Google+, il post incorporato permetterà agli utenti di visitare quella pagina o di seguirla su Google+, condividere il post sulla propria bacheca, dargli un +1 o interagire con gli hashtag eventualmente contenuti, commentare e interagire con gli utenti che hanno commentato quel post.



Il rollout è già iniziato e dovrebbe concludersi nel giro di poche ore. Qui sopra trovate un esempio del risultato del post incorporato, ora non vi resta che sbizzarrirvi e, se siete tra i sostenitori e utilizzatori di Google+, contribuire alla sua diffusione anche in questo modo.

Via | Google+

  • shares
  • +1
  • Mail