Facebook copia (ancora) Twitter: i post pubblici sbarcano in TV

Facebook ha deciso di seguire ancora una volta l'esempio di Twitter e da oggi permette ad alcuni network e organi di informazione selezionati di citare i post pubblici degli utenti.

Twitter e i media digitali vanno di pari passo da tempo, un po' per lo spirito immediato e conciso del social network dei 140 caratteri, un po' perchè quest'ultimo è stato abbracciato fin dal principio da giornalisti, volti noti dello spettacolo e da chiunque volesse comunicare qualcosa in tempo reale sicuro della risonanza che il mezzo garantiva e garantisce tutt'ora. E, inutile negarlo, perchè nel 99% dei casi quello che viene pubblicato su Twitter è pubblico, alla portata di tutti.

Facebook è nato con lo scopo contrario, ma ora Zuckerberg & co. sembrano aver cambiato idee e le ultime mosse dell'azienda sono pensate e realizzata proprio in favore del pubblico, dall'embed dei post agli hashtag, passando per i trend topic ancora in fase di test.

Meno Twitter, più Facebook: successo o fallimento?

La TV in particolare, però, va ormai a braccetto con Twitter, ora anche in Italia, e Facebook ha deciso che le cose devono cambiare. Quante volte vi è capitato di interagire con un programma tv, commentarlo e intervenire via Twitter? Nella maggior parte dei casi sono gli stessi programmi a chiedere agli utenti di interagire via Twitter, mostrando i tweet in diretta e lo stesso accade anche, più negli Stati Uniti che in Italia, coi grandi network di informazione.

Ora lo stesso accadrà con Facebook, o almeno è quello che Facebook spera che succederà, grazie a partnership con CNN, BuzzFeed, il Today Show di NBC o Slate. Questi organi di informazione, se così vogliamo chiamarli, cominceranno a integrare i post degli utenti di Facebook, quelli pubblici ovviamente, e mostrarli in diretta riservando al social network di Zuckerberg lo stesso trattamento riservato finora a Twitter.

Solo i partner selezionati, almeno per ora

Si comincia col programma New Day sulla CNN e si proseguirà con altri network, programmi o piattaforme, con la speranza che mostrare in diretta o citare i post degli utenti di Facebook grazie a due nuove API: Keyword Insights e Public Feed, che permetteranno rispettivamente di ottenere le statistiche a proposito di un determinato argomento (con risultati anonimi che forniranno informazioni su sesso, età e provenienza degli utenti) e mostrare i post pubblici per una specifica parola.

La speranza, va da sé, è che questo contribuisca a migliorare l'interazione pubblica su Facebook. Questo vale prima di tutto per gli Stati Uniti e se l'esperimento si rivelerà un successo tutti gli altri si comporteranno di conseguenza. Insomma, Facebook ci sta provando in ogni modo.

La domanda che vi poniamo è: riuscirà a imporsi come social network pubblico o gli utenti continueranno a utilizzarlo per interagire privatamente coi loro contatti?

Via | Facebook

  • shares
  • +1
  • Mail