Oltre PRISM: l'NSA ha violato le comunicazioni segrete dell'ONU

Secondo Der Spiegel l'NSA ha spiato anche l'ONU e le ambasciate, non solo i cittadini americani e i privati stranieri.

Che lo facessero, lo sapevamo tutti - tutte le spie di tutto il mondo violano la sicurezza di ambasciate, potentati stranieri, nemici e persino alleati. Ma farsi beccare è sempre un problema, come ha scoperto l’NSA.

Der Spiegel ha rivelato l’ennesima “notizia” bomba: il controspionaggio americano, rivela Edward Snowden, ha violato durante l’estate del 2012 la sicurezza del sistema di video-conferenze interne dell’ONU, e non ha esitato ad abusare con grande abbandono di questo illecito quanto comodo potenziale. Le comunicazioni intercettate tra gli stati membri delle Nazioni Unite, infatti, è passato da 12 a 458 in sole tre settimane.

Non ci vuole un genio a capire che è una cosa che non si fa - o per lo meno non è il genere di attività in cui si deve essere colti in castagna per nessuna ragione. Le leggi internazionali, infatti, che sono state ratificate anche dagli stessi Stati Uniti, proibiscono tassativamente di spiare l’ONU.

È davvero difficile recitare la parte dei buoni quando si è beccati con le mani nella marmellata, ma se non altro gli americani sono in buona compagnia, perché Snowden ha aggiunto che l’NSA ha rilevato dei tentativi di hacking dello stesso sistema di videoconferenza da parte dei cinesi, un paese che non ha molti scrupoli in fatto di cyberwarfare.

L’NSA dovrebbe difendere gli USA, ma è molto... Curiosa



Queste rivelazioni di Snowden sono direttamente successive alla notizia delle “cyber-cimici” posizionate all’interno del VPN delle ambasciate europee in America. Der Spiegel parla di un programma di monitoraggio simile in 80 diverse sedi diplomatiche straniere in tutto il mondo, un vero “Special Collection Service” che tiene d’occhio clandestinamente anche l’Unione Europea e l’International Atomic Energy Agency.

Il sistema, dice il giornale tedesco, è organizzatissimo e non viene usato molto per proteggere gli Stati Uniti dalle minacce terroristiche o gli attacchi diretti o indiretti di potenze straniere. Considerato che lo scopo dell’NSA dovrebbe essere meramente difensivo, c’è una netta incongruenza tra i mezzi usati, i dati raccolti e gli scopi dichiarati: quello che fa l'NSA è puro spionaggio internazionale, portato a termine senza alcuno scrupolo e senza grandi meccanismi di controllo interni, al punto che alcuni agenti sono stati recentemente accusati di usare i tool dell'NSA per spiare amanti e mogli.

Sono tutte cose che si sapevano da anni, da decenni, anzi, forse si sapevano da sempre. Ma essere colti in flagranza di reato è tutta un’altra cosa.

Foto | Flickr
Via | GigaOM

  • shares
  • +1
  • Mail