Khalil Shreateh ricompensato per il bug trovato su Facebook, ma non dal social network

Khalil Shreateh riceverà 12.000 dollari grazie a una campagna di crowdfunding esterna a Facebook, su cui l'hacker ha scoperto un bug.

Qualche giorno fa, l'hacker Khalil Shreateh ha dimostrato di aver scoperto un bug su Facebook, postandolo sulla bacheca di Mark Zuckerberg (sfruttando la falla) dopo essere stato ignorato dallo staff del social network che si occupa delle segnalazioni. Pur riconoscendo le proprie colpe, il chief security officer di Facebook, Joe Sullivan, ha confermato in un post che Shreateh non sarà ricompensato:

"Non cambieremo la nostra politica di rifiutare di pagare ricompense a ricercatori che hanno testato le vulnerabilità su utenti reali. Non è mai accettabile compromettere sicurezza e privacy delle persone."

Per fortuna dell'hacker palestinese, c'è però qualcuno che ha preso a cuore la sua situazione. Si tratta di Marc Maiffret, chief technology di BeyondTrust, società specializzata in sicurezza informatica. Maiffret ha infatti lanciato una campagna di donazioni su gofundme, al fine di far arrivare a Shreateh una ricompensa per il suo operato, anche se non per canali ufficiali.

I 10.000 dollari richiesti sono rapidamente diventati quasi 12.000 dollari, che arriveranno nelle tasche di Khalil Shreateh. Ecco come invece ha commentato Maiffret il successo della sua iniziativa:

"Grazie a tutti coloro che hanno aiutato nel realizzare questo per Khalil. Lascerò la campagna attiva mentre lavoro con gofundme per trasferire i fondi a Khalil, con cui sono in contatto. Spero che questo abbia accresciuto la consapevolezza dell'importanza dei ricercatori indipendenti. Spero egualmente che abbia ricordato ad altri ricercatori che mentre lavorare con società tecnologiche può essere a volte frustrante, non possiamo dimenticare l'obiettivo più alto; aiutare la comunità Internet in generale, così come la comunità ha aiutato a donare oltre 10.000 dollari a Khalil in un giorno."

Via | Venturebeat.com

  • shares
  • +1
  • Mail