Google va in tilt per cinque minuti e perde oltre 408mila euro, il web nel panico

Quanto è importante Google per noi utenti? Lo scopriamo nei momenti più difficili: ecco cosa è successo nella giornata di venerdì

Foto GoogleSuccede che anche un colosso come Google possa trovarsi improvvisamente in difficoltà: cosa si fa in questi casi? E se la difficoltà dell'azienda ci impedisse di utilizzare il motore di ricerca per giorni e giorni? Si utilizzerebbero altri search engine, certamente; ma il passaggio sarebbe indolore? Stando a quanto accaduto ultimamente, con precisione nella giornata di venerdì, pare proprio di no: Google è andato in tilt per soli cinque minuti e il traffico web mondiale è calato del 40%, quasi come se gli utenti non conoscessero tutte le altre (non ugualmente valide) alternative.

Alle 0.52 (ora italiana) di venerdì sono risultati irraggiungibili fino alle 0.56 Gmail e Google Drive, il calendario di Google; Google Maps e Blogger; ma è la morte temporanea del motore di ricerca ad aver preoccupato l'utenza. Google è intervenuto sulla faccenda, prima limitando il problema a Gmail:

"Siamo a conoscenza di un problema con Gmail che colpisce un sottoinsieme significativo di utenti. Gli utenti interessati sono in grado di accedere a Gmail, ma stiamo vedendo i messaggi di errore e/o altri comportamenti imprevisti".

Subito dopo, però, ha fatto il punto della situazione reale, senza fornire ulteriori dettagli:

"Dal 50% al 70% delle richieste di connessione a Google ha riscontrato errori, il servizio è stato ripristinato un minuto dopo, ed è stato interamente risolto dopo quattro minuti".

Ecco le perdite di Google


L'ultima volta che il motore di ricerca cadde fu nel 31 gennaio del 2009, quando tutti i servizi di Mountain View risultarono inaccessibili per ben cinquantacinque minuti, precisamente dalle 15.30 alle 16.25; non sappiamo con certezza quali siano state le perdite effettive del colosso, ma alcuni blogger hanno concluso che, se Big G fattura 108mila dollari al minuto, dopo cinque la somma dovrebbe essere arrivata a 545mila, cioè a circa 408mila euro.

Via | Venturebeat

  • shares
  • +1
  • Mail