Tutte le sfide di Facebook sul fronte sicurezza

Le sfide di Facebook sul fronte sicurezzaNonostante il suo successo internazionale, Facebook deve far fronte, ogni giorno, a nuove minacce per la sicurezza del sito. Al crescere della popolarità, aumentano anche le sfide da affrontare. In questi ultimi giorni si sta discutendo molto degli attacchi che il sito ha recentemente subìto.

Una nuova variante di Koobface è apparsa sul celebre social network. Koobface era comparso per la prima volta ad agosto, tentando di rubare i dari personali degli utenti e utilizzando la lista dei contatti per propagarsi. Le nuove varianti sfruttano diversi meccanismi di Facebook, che intanto sta lottando per rimuovere tutti i contenuti generati dal worm, oltre a cercare di migliorare i suoi sistemi di sicurezza.

La nuova variante di Facebook, segnalata da TrendLabs è fondamentalmente simile alla vecchia, ma si differenzia per il codice di base, che lo rende difficile da individuare. Attualmente solo una piccola percentuale degli utenti è stata colpita da questa nuova variante.

Oltre a Koobface, Facebook sta lavorando anche sul fronte spam, un fenomeno che ha portato ad una denuncia contro Sanford Wallace e altri due utenti al tribunale distrettuale di San Jose. Facebook ha portato in tribunale anche Adamo Guerbuez, per aver dirottato alcuni account utilizzandoli per inviare messaggi di spam sulle bacheche. Facebook ha vinto la causa per 873 milioni.

L'ultimo problema riguarda le applicazioni che violano gli account degli utenti inviando notifiche di spam. Uno degli avvisi incriminati indica che un generico "errore di sistema" segnala erroneamente che alcuni amici non sono stati in grado di vedere il loro profilo. Un'altra applicazione, chiamata “f a c e b o o k - closing down!!!” inviava a tutti i contatti della propria lista una notifica secondo cui il profilo aveva violato i Termini di Servizio. Facebook ha prontamente chiuso entrambe le applicazioni.

Concludendo, Facebook sta lavorando su diversi fronti: giuridico, software e individuazione dello spam, per mantenere elevato il livello di sicurezza. Dato che 175 milioni di utenti usano Facebook ogni giorno, non c'è da sorprendere che gli spammer abbiano individuato in questa rete una importante fonte di lavoro.

Via | Insidefacebook.com

  • shares
  • +1
  • Mail