Rojadirecta sequestrato dal gip di Milano

Rojadirecta sequestrato in Italia: lo ha disposto il gip di Milano, Andrea Ghinetti. Il sito ha già annunciato il ricorso.

Rojadirecta di nuovo nell'occhio del ciclone: stavolta a interessarsi al sito contenente link a partite sportive in streaming sono direttamente le autorità italiane. Il gip di Milano, Andrea Ghinetti, ha infatti disposto il sequestro preventivo di Rojadirecta, che ricordiamo ha "sede" in Spagna. Nel suo provvedimento, il gip ha contestato al sito la violazione della legge sul diritto di autore, escludendo il caso di uso personale per la trasmissione di eventi sportivi su cui la "Lega Nazionale Giocatori Professionisti di calcio vanta i diritti di privativa".

Sempre secondo Andrea Ghinetti, Rojadirecta avrebbe un provato fine lucrativo, confermato dalla presenza di inserzioni pubblicitarie al suo interno. Come "unico e necessario strumento di contrasto", il giudice ha quindi disposto l'oscuramento del sito, che dunque a breve non sarà più raggiungibile dall'Italia.

Il provvedimento


Stando a quanto si legge in giro, il provvedimento dovrebbe essere attuato filtrando gli indirizzi IP del nostro Paese che tentano di connettersi al dominio Rojadirecta.me. Un'impresa più facile a dirsi che a farsi, visto che questo e altri provvedimenti simili sono sempre più inefficienti di fronte all'uso di server DNS alternativi, proxy e così via.

Lo stesso Rojadirecta, già oscurato dalle autorità USA nel 2011, ha dimostrato a suo tempo di saper prendere le adeguate contromisure per continuare a essere visitabile anche da chi in teoria non dovrebbe avere la possibilità di farlo.

La difesa


A ogni modo, Rojadirecta non ci sta e tramite i suoi avvocati Fulvio Sarzana, Giuseppe Vaciago e Giovanni Maria Riccio, ha presentato ricorso al Tribunale del Riesame per chiedere il dissequestro. Proprio i casi precedenti in Spagna e Stati Uniti sono citati da Sarzana:

"Non può non ravvisarsi come sia la Corte d'Appello di Madrid che un autorevole Corte statunitense abbiano già stabilito la legittimità dell'attività di Rojadirecta"

  • shares
  • +1
  • Mail