La replica di Google alle segnalazioni di siti dannosi impazzite

Google spiega il problema dei siti dannosi impazzitiLa replica di Google al problema riscontrato oggi per cui ogni sito veniva segnalato come potenzialmente dannoso non ha tardato ad arrivare: un post sul GoogleBlog spiega i motivi per cui per 55 minuti, dalle 6.30 alle 7.25 PST (15.30 - 16.25 CET, nostra ora locale) si è verificato l'inconveniente.

La colpa è di uno slash di troppo: la lista dei siti pericolosi viene aggiornata sia in maniera automatica che manuale e proprio in quest'ultima modalità è stato commesso un minimo ma devastante errore umano, cioè è stato aggiunto all'elenco il carattere "/" che ha significato l'inclusione nella lista di ogni sito presente sul web.

Una bella cantonata per chi già gridava al collasso o al fallimento degli algoritmi di ricerca di Google (chissà perchè poi), ma sicuramente niente rispetto a quel che probabilmente accadrà all'impiegato che ha commesso il madornale errore!

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: