ISP irlandese accetta il piano di disconnessione degli utenti

ISP irlandese accetta il piano di disconnessione degli utentiEircom, uno dei principali ISP irlandesi, si è dovuto arrendere alle pressioni delle etichette musicali, ed ora inizierà ad applicare un programma di disconnessioni forzate degli utenti colpevoli di violazione di diritto d'autore sulle reti P2P.

Tutto è iniziato qualche tempo fa, quando le succursali irlandesi della EMI, Warner, Universal e Sony, hanno accusato la Eircom di favorire la pirateria e di pubblicizzare servizi come ThePirateBay.

La soluzione presa da Eircom e le etichette discografiche, durante il processo che si è svolto a Dublino, è appunto quella degli avvisi di disconnessione agli utenti scoperti a scaricare e condividere musica illegalmente dagli investigatori. L'accordo consente all'industria musicale di avere accesso diretto ai dati relativi agli abbonati dell'ISP mentre gli investigatori hanno la possibilità di accedere agli indirizzi IP e di segnalarli alla Eircom.

Dopo tre avvisi la disconnessione è automatica. La Eircom ha accettato in parte l'idea che un ISP possa avere delle responsabilità per le azioni dei propri abbonati.

In ogni caso, Eircom sarebbe il primo provider al mondo a disconnettere volontariamente i suoi utenti senza passare da un processo.

Via | Arstechnica.com

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: