Il governo cinese contro la pornografia online

Il governo cinese contro la pornografia onlineNel tentativo di contrastare i contenuti sessualmente espliciti su Internet, il governo cinese ha intensificato la sua campagna contro la pornografia e ha chiesto un aiuto alle società, tra cui Google, per frenare la pornografia infantile.

Lunedì c'è stato l'annucio di individuazione di sette agenzie governative che hanno segnalato 19 siti che forniscono illegalmente accesso a "contenuti volgari". Sulla lista dei 19 siti ci sono anche Google Image Search, Baidu.net e Sohu.net. I siti sono stati accusati di diffondere la pornografia infantile e minacciare la morale della gioventù.

Sembra che il governo cinese sia particolarmente interessato ad un sistema di regolamentazione della rete. Già dal 1996 gli utenti cinesi di Internet sono stati invitati a firmare un insieme di regole per rendere illegale la produzione e condivisione di pornografia infantile. Recentemente il ministero della pubblica sicurezza ha dichiarato che l'obiettivo successivo sarebbero stati i contenuti erotici.

Via | News.cnet.com

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: