Gary McKinnon, hacker inglese, sarà estradato negli Stati Uniti

Gary McKinnon, hacker inglese, sarà estradato negli Stati UnitiLa storia di Gary McKinnon ha interessato l'opinione pubblica in questi giorni per una condanna di estradizione. 42 anni, disoccupato con un passato da sistemista, è riuscito a scavalcare le difese informatiche dei computer militari degli Stati Uniti dalla sua camera da letto in Wood Green vicino Londra, con la scusa di cercare informazioni sugli UFO.

Tuttavia i tribunali hanno respinto la sua difesa, soprattutto le affermazioni di minacce nei suoi confronti da parte dei pubblici ministeri statuninenti e il rifiuto di annullare il procedimento di estradizione.

McKinnon ha ammesso l'accesso a 97 computer militari statunitensi e della NASA, mentre i procuratori americani sostengono che egli abbia reso inutilizzabili 300 computer della marina, in un momento critico, ovvero immediatamente dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001.

McKinnon considera sproporzionata la reazione degli Stati Uniti: considera le sue azioni sbagliate, ma ha ammesso di aver agito con motivazioni "morali", perchè in questo modo ha evidenziato i problemi di sicurezza informatici degli Stati Uniti.

Se McKinnon dovesse affrontare un processo negli Stati Uniti rischia pene severissime.

Via | Timesonline.co.uk

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: