Secondo il Partito del Pirata americano, i dati della MPAA sono sbagliati

Secondo il Partito del Pirata americano, i dati della MPAA sono sbagliatiMentre il Partito del Pirata è molto noto in Svezia, e in tutta Europa esistono movimenti simili in crescita, lo stesso non si può dire del paese che si vanta di essere "la terra della libertà". Negli Stati Uniti, il Partito del Pirata non è così famoso come il resto del mondo.

Forse anche perchè gli Stati Uniti sono il paese in cui si contano più denunce per violazione del copyright. Ogni giorno le major della musica e dell'industria cinematografica stabiliscono sondaggi, dichiarando che "la pirateria costa molti miliardi". Per esempio, uno studio del 2005 ha stabilito che la MPAA ha perso 6 miliardi di dollari a causa della pirateria.

Tuttavia queste cifre non fanno parte di studi rilasciati pubblicamente, ma si tratta semplicemente di dichiarazioni. La stessa MPAA ha dovuto ammettere, ultimamente, che dietro a queste cifre ci sono degli errori. E' per questo che l'amministratore del Partito del Pirata americano ha attaccato duramente queste statistiche.

Andrew Norton è convinto che la MPAA continui a gonfiare volontariamente queste cifre. Potrebbero benissimo arrivare a dichiarare 20 miliardi o ancora di più, se volessero. Norton ha mostrato risultati di uno studio, pubblicato oggi, che mostrano un'immagine ben diversa della MPAA.

Secondo questi studi l'idea che la pirateria danneggi i film al cinema e il noleggio dei DVD, è infondata. Norton ha dichiarato che lo studio completo sarà pronto a fine luglio, e metterà in chiaro come stanno davvero le cose.

Via | Torrentfreak.com

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: