Successi e fallimenti di Bill Gates

Successi e fallimenti di Bill GatesSi sta chiudendo un'era dell'informatica, quella che ha visto Bill Gates presidente della Microsoft. E' innegabile che Gates sia stato uno degli uomini più influenti del pianeta, perchè attraverso il computer ha cambiato il modo di lavorare di milioni di persone. E ovviamente questi ultimi anni sono stati segnati dai suoi successi e anche dai suoi fallimenti.

Indubbiamente il software è stato fonte di orgoglio e preoccupazioni per Gates: attraverso i suoi programmi sono arrivati i principali successi ma anche le difficoltà maggiori. Iniziando da MS-Dos, il sistema operativo che permise alla Microsoft di farsi notare dalle grandi aziende, e che ha cresciuto una intera generazione di programmatori.

Ma è negli anni '90 che Microsoft si impone al mondo come azienda produttrice di software. Tre i principali successi dell'azienda: Internet Explorer, Media Center e Office. Attraverso Internet Explorer Microsoft ha conquistato il web, nel bene e nel male. Oggi IE non se la passa più bene come una volta, aggredito dalla scalata di concorrenti validi come Firefox, ma alla fine degli anni '90 praticamente quasi la totalità dei PC connessi utilizzava questo programma.

Attraverso Media Center Bill Gates ha introdotto il concetto di computer come punto d'incontro di tutte le apparecchiature casalinghe: oggi attraverso un PC si possono gestire tutte quelle attività affidate a decine di elettrodomestici, dalla Tv alla Radio, dal lettore DVD ai libri fotografici. Ma è soprattutto con Office che Microsoft ha conquistato la popolazione. La suite per l'ufficio si è diffusa così tanto da diventare uno standard di fatto.

Ovviamente, e non basterebbe un'enciclopedia per parlarne, non possiamo dimenticarci di Windows. Il sistema operativo più odiato, ma anche quello più utilizzato al mondo. Sicuramente è grazie a sistemi come Windows 3,1 o 95 che Microsoft ha visto la sua diffusione nei PC. Ma la vera rivoluzione è avvenuta, probabilmente, con Windows Xp.

Xp ha una vita lunga quasi 8 anni, e si appresta al pensionamento, visto che proprio il 30 giugno Microsoft terminerà la sua produzione. Ed è impossibile oggi evitare il paragone con il suo successore, Windows Vista, gioia e dolore dell'azienda di Redmond, che sta lottando per convincere gli utenti delle sue qualità. Eppure tante persone sono ancora affezionate al fido Xp che, nonostante l'anzianità, funziona ancora bene ed è diventato, finalmente, un sistema operativo sicuro e stabile.

Eppure parlando di Microsoft non possiamo dimenticare i numerosi flop, passando da MSN Music e URGE, i due concorrenti di iTunes che invece non hanno avuto lo stesso successo. E chi di voi ha comprato uno Zune Player? La versione Microsoft dell'iPod evidentemente non ha suscitato molto interesse.

Microsoft ha dovuto lottare con gli utenti per numerose decisioni non gradite, come per esempio l'attivazione di Windows, considerata da molti una grave violazione della privacy, ma un sistema efficace contro la pirateria del software. Eppure proprio Microsoft ha ottenuto il suo successo grazie alla diffusione di Windows tramite copie contraffatte.

Si chiude quindi un'era e se ne apre un'altra, con Ballmer alla guida e i numerosi problemi che Microsoft deve affrontare su vari fronti. Dal software alla pubblicità su Internet, potrà Microsoft fare a meno del suo fondatore e presidente?

Via | Engadget.com

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: