In sviluppo una piattaforma d'emergenza basata su Twitter

Twitter Arrested

Ricordate la storia di James Buck, l'uomo uscito di galera dopo aver avvisato tempestivamente i propri amici via Twitter dell'arresto in Egitto? Dopo la sua brutta esperienza ha deciso di creare una piattaforma online basata sul popolare social network che permetta alle persone di comunicare in casi di emergenza, proprio come accaduto a lui qualche mese fa.

L'idea sarebbe quella di creare gruppi di volontari collegati a Twitter da dislocare in vari posti del mondo: per la nascita di questo progetto, Buck è stato ricevuto anche da Biz Stone, uno dei fondatori del servizio.

Nel frattempo l'amico Mohammed Maree resta ancora in carcere e Buck non nasconde di sperare che la nuova piattaforma possa aiutarne la liberazione da parte delle autorità egiziane.

Via | Venturebeat.com

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: