La Commissione Europea torna a discutere sulla Net Neutrality

Net NeutralityDurante un incontro incentrato sul futuro economico di Internet organizzato dall'Organization for Economic Co-Operation and Development (OECD), svoltosi la scorsa settimana in Corea del Sud, la questione della Net Neutrality è tornata a far discutere. Viviane Reding, responsabile per la Società dell’Informazione e i Media europea, porta all'attenzione dei presenti il fatto che "alcuni stanno iniziando a criticare i principi fondamentali di apertura e neutralità che sono stati essenziali allo sviluppo e all'innovazione di Internet.

Il dibattito sulla Net Neutrality è focalizzato sulla legittimità (o meno) di far pagare la distribuzione di alcuni contenuti online maggiormente rispetto ad altri a discrezione del proprio ISP (Internet Service Provider). Nel Regno Unito, tale questione si è da poco riaccessa tra la BBC e alcuni ISP,che hanno richiesto a BBC di contribuire al costo dell'elevato traffico generato dal proprio iPlayer. Fanno ben sperare le parole della Reding quando dichiara:

La discussione sulla neutralità della Rete non è una questione tecnica che deve esere risolta dalle autorità ma, prima di tutto, è una questione politica che deve essere risolta dalle persone: Internet è loro!


Nel prosieguo del proprio intervento, Reding ha sottolineato come l'apertura della Rete e l'innovazione che ne è conseguenza non debbano essere messe in discussione. Tra gli altri argomenti di cui si è discusso durante il meeting, la deputata europea ha trattato anche della necessità del passaggio a IPv6, della necessità di combattere la pirateria online e dell'importanza di rafforzare la tutela dei consumatori.

Via | zdnetasia.com

  • shares
  • Mail