La Cina nega l'indagine contro Microsoft

La Cina nega l\'indagine contro MicrosoftLa Cina ha ufficialmente negato l'indiscrezione secondo cui fosse in atto un'indagine sulla posizione di mercato di Microsoft. La notizia era stata diffusa nei giorni scorsi, il tutto legato alla nuova legge anti-monopolio che sarà attiva dal prossimo agosto. Ma i funzionari di governo negato tutto.

Yin Xintian, portavoce e direttore giuridico dello Stato della proprietà intellettuale a Pechino ha detto che il governo non assumerà nessuna posizione contro il monopolio, e non ci sarà nessuna indagine nei confronti di Microsoft. E' però vero che è stato commissionato uno studio sulla pirateria informatica in Cina.

Dato che per la prima volta la Cina legifera per formulare un testo contro i monopoli informatici ha spinto molti esperti a concludere che Microsoft sarebbe stato il primo obiettivo, dal momento che una copia di Windows è presente praticamente in ogni computer venduto in Cina. Ma, sempre secondo il governo cinese, questa legge anti-monopolio è stata creata per salvaguardare gli interessi e i benefici dei consumatori, incoraggiare l'innovazione e promuovere lo sviluppo economico.

Via | Vnunet.com

  • shares
  • Mail