Roadrunner, il supercomputer più potente del mondo

Roadrunner, il supercomputer più potente del mondo
Vi ricordate di Skynet, il potente supercomputer che nella serie Terminator che prende il controllo sul mondo intero? Forse non siamo molto lontani da quel concetto di rete neurale. Un supercomputer americano progettato per scopi militari è stato recentemente assemblato partendo da componenti e chip di videogiochi.

Il supercomputer Roadrunner costa 133 milioni di euro, verrà utilizzato per studiare le armi nucleari e sarà capace di una potenza di calcolo di 1,026 quadrilione di calcoli al secondo. La nuova macchina è due volte più veloce del precedente supercomputer IMB BlueGene del Lawrence Livermore National Laboratory in California.

Prima però di essere utilizzato per scopi militari Roadrunner verrà testato per elaborare modelli climatici globali con maggior precisione. Per capire la potenza di Roadrunner, Thomas D'Agostino, amministratore del National Nuclear Security Administration ha detto che questo supercomputer può svolgere in un giorno il lavoro di 46 anni ininterrotti di calcoli da parte di tutti i 6 miliardi di esseri umani al mondo con i loro computer.

Roadrunner si basa su un progetto radicale che include 12.960 chip che sono una versione migliorata di un microprocessore IBM Cell, molto simile a quello creato per la PlayStation 3. A questo vanno aggiunti un numero inferiore di comuni processori AMD Opteron.

Horst Simon ha dichiarato che "Roadrunner ci racconterà ciò che accadrà nel prossimo decennio". Roadrunner consuma circa tre megawatt di potenza, ovvero il consumo di un centro commerciale di medie proporzioni, e richiede tre diversi strumenti di programmazione, poichè ha tre tipi di processori. La sfida dei programmatori è di far lavorare in modo efficace, insieme, i 116.640 processori della macchina.

Via | Nytimes.com

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: