Microsoft promuove Xp sugli ultra-low-cost PC

Microsoft promuove Xp sugli ultra-low-cost PCMicrosoft sta per lanciare un programma per promuovere l'uso di Windows sui sistemi ultra-low-cost PC. La proposta consisterebbe in vantaggiosi sconti su Windows Xp Home Edition per incoraggiare gli utenti a passare al sistema operativo di casa Microsoft e abbandonare Linux.

Per rimanere nei costi contenuti, però, i produttori di hardware dovrebbero limitare sensibilmente le caratteristiche dei PC, per esempio, diminuendo le dimensioni dello schermo a 10.2 pollici, bloccare gli hard disk a 80 GB e eliminare il touch-screen. Una diminuzione delle funzioni dei PC permetterebbe di installare Xp, che necessita, infatti, di un prezzo per la licenza.

Il timore degli analisti, però, è che Microsoft voglia limitare le prestazioni degli ULPC in modo da distinguerli nettamente dai sistemi superiori. Le vendite di questo tipo di PC, infatti, sono in rapida crescita, e, sempre secondo gli esperti, una diffusione di Linux renderebbe sempre meno stabile il primato di Vista e degli altri sistemi Windows.

L'uso di Linux, infatti, riduce il costo complessivo, permette ai produttori di investire sulle funzioni hardware, e incoraggia gli utenti ad abbandonare Microsoft. Secondo Microsoft, invece, la categoria degli ULPC deve essere distinta dai PC dalle prestazioni superiori.

Microsoft prevede di vendere le licenze di Windows Xp Home Edition ai produttori al costo di 26 dollari nei mercati emergenti come Cina e India e 32 dollari nei mercati sviluppati.

Via | Computerworlduk.com

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: