La censura cinese non risparmia Blogger

Bandiera cineseDopo il blocco di YouTube e quello di altri siti web, in Cina è la volta di Blogger: la piattaforma di Google sarebbe incappata nei severi controlli del Governo nazionale, risultando irraggiungibile da diversi punti della Cina.

A riportarlo è Labnol.org dopo diversi test effettuati da Shangai e Beijing sull'indirizzo labnol.blogspot.com, risultato a più riprese non raggiungibile da tentativi di connessione http e semplici ping.

Ancora una volta arrivano delle ombre sui prossimi Giochi Olimpici, in occasione dei quali il CIO aveva invitato la Cina a "liberare" la rete: invito che a quanto pare non è stato preso sufficientemente in considerazione dalle autorità, almeno per il momento.

Via | Labnol.org

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: