Files audio 1000 volte pù piccoli di un Mp3

Files audio mille volti più piccoli di un mp3Alla Rochester University il professor Mark Bocko, docente di ingegneria elettrica ed informatica, ha trovato un modo per comprimere l'audio in un file che, a parità i informazioni contenute, è mille volte più piccolo di un Mp3: con il suo team di ricercatori ha codificato un assolo di clarinetto della durata di 20 secondi in un file di meno di un kilobyte.

In realtà, gli studi di Bocko e degli assistenti Dong e Sterling non mirano a sostituire l'Mp3, né a creare nuovi formati audio per sfruttare massivamente le possibilità offerte dai player portatili; si tratta di ricerche commissionate e sostenute economicamente dalla National Science Foundation, per sviluppare nuove tecnologie a favore della musica ed i musicisti che usano il computer, con l'obiettivo finale di creare non musicista virtuale assolutamente indistinguibile da uno reale.

Il formato Mp3 deve il suo nome al gruppo di lavoro da cui è stato sviluppato, il Motion Picture Expert Group-1/2 Audio Layer 3, presso il Fraunhofer Institute, e la sua celebrità al fatto che è stato il primo formato di audio compresso con perdita di dati inavvertibile per l'orecchio umano (tipo lossy) ad essere diffuso sul web con i primi programmi di file sharing quali Napster e WinMx; questo è stato possibile anche grazie al ridotto rapporto di compressione che offre (1 minuto di musica può codificato in 1 Megabyte di dati). Nonostante le specifiche del formato siano state elaborate negli anni '90 e non manchino rivali anche tecnicamente più validi come Mp3PRO o Monkey's Audio, il formato Mp3 è largamente ancora il più usato.

Via | Gizmag.com

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: